SISTRI: SISTEMA INEFFICIENTE, VA SUPERATO IN ARRIVO SEMPLIFICAZIONI ED ESENZIONI PER PICCOLI PRODUTTORI DI RIFIUTI 14/03/2014

È in via di perfezionamento un decreto ministeriale che trasforma da obbligatorio a facoltativo l’utilizzo del Sistri da parte di alcuni piccoli produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi.
La novità è annunciata dal Ministero dell’Ambiente, che il 3 marzo 2014 (giorno di entrata in operatività del Sistri per tutti i produttori iniziali di rifiuti speciali pericolosi) ha confermato la prossima pubblicazione di un regolamento che rende opzionale l’uso del nuovo sistema di tracciamento telematico per i produttori iniziali di rifiuti pericolosi con non più di 10 dipendenti ed operanti nei settori industria, artigianato, commercio, sanitario e servizi. Un decreto che escluderebbe dal Sistri le imprese con meno di 10 dipendenti, che di fatto cancellerebbe l’assurda equiparazione dei rifiuti di un parrucchiere e di un piccolo commerciante con quelli di un’industria.
E’ la prova che si sta cominciando a comprendere l’inadeguatezza del sistema alle esigenze delle imprese e del Paese”.
Tra le novità già operative, si segnala che sul portale Sistri sono state pubblicate le Guide Rapide aggiornate (produttori, trasportatori, recuperatori-smaltitori e intermediari, mentre rappresenta una novità assoluta la guida per la Regione Campania), introdotti nuovi servizi a supporto delle aziende e pubblicato un nuovo “Video Tutorial” per gli operatori.
Non muta il nostro giudizio profondamente negativo: il Sistri è l’emblema della follia burocratica del nostro Paese.
Il sistema ha infatti dimostrato troppe criticità, che riguardano l’interoperabilità, i malfunzionamenti tecnici e tecnologici di dispositivi e sistema, la lentezza delle procedure.
Riteniamo dunque assurdo e dannoso proseguire nella sua implementazione.
Il Sistri comporta pesanti rallentamenti per le imprese e, in alcuni casi, addirittura il blocco delle attività.
Per agevolare le imprese occorre ridurre il peso della burocrazia e del fisco.
Finora però il Governo non sembra dello stesso avviso: l’avvio del Sistri e l’incremento delle aliquote TASI sono due interventi che vanno in direzione decisamente opposta alle esigenze del Paese.
Si passi dagli annunci ai fatti e si proceda a una vera sburocratizzazione”.



Sinergie Ecologiche S.r.l. Via Col Vento, 7 Anzio Roma 06 9876438

X